Escursioni

Cardada - Locarno

Passeggiata panoramica (ca. 6 km ) al di sopra del bacino svizzero del Lago Maggiore: si parte da Locarno, salendo con la funicolare ad Orselina, poi a Cardada in funivia; si prosegue verso l'alpe Cardada ed il punto panoramico sopra il lago ( 1496 m ). Possibilità di salire in Cimetta. Dopo l'alpe inizia la discesa verso i Monti di Lego, attraverso la nascosta Val Resa. Ai Monti si può deviare verso Mergoscia oppure continuare la discesa verso Brione s/M, parzialmente su strada asfaltata (attenzione al traffico !). Da Brione si possono usare i mezzi pubblici per tornare ad Orselina o Locarno, oppure intraprendere il ritorno a piedi. Escursione facile adatta a tutti; sono comunque consigliate delle scarpe comode adatte.

Cima della Trosa

Passeggiata sulla "montagna di Locarno", sopra Cardada; in breve tempo con la seggiovia o a piedi si raggiunge la Cimetta , da dove si prosegue su comodo sentiero verso la Cima della Trosa. Dopo aver ammirato il panorama da questa bella terrazza sul Lago Maggiore si può tornare verso Cardada oppure proseguire verso l'Alpe di Bietri (ottimi i formaggini che producono lì!) e Mergoscia, paesino appollaiato sopra il lago di Vogorno. Il ritorno verso Locarno può avvenire in autopostale, o a piedi lungo la strada cantonale. Possibili deviazioni: da Mergoscia verso Corippo e la Val Verzasca ; da Contra verso la diga della Verzasca (dove si può ammirare il bungy jumping); e sempre da Contra verso Orselina lungo il sentiero "Collina alta" (richiedete il prospetto dettagliato su quest'interessante itinerario).

Ascona E-Bike

Questo piacevole itinerario si snoda attorno a Locarno e Ascona, permettendo all’e-biker di visitare luoghi suggestivi e interessanti lungo tutto il percorso. Partendo dal centro di Locarno, percorrendo il lungolago e passando lungo gli argini del fiume Maggia, è possibile assaporare il piacere di una comoda escursione in bicicletta senza fare alcuna fatica. La pista ciclabile vi accompagnerà per la maggior parte del percorso. Passando lungo il Golf Patriziale di Ascona si raggiunge il Grande Lido Pubblico, dove una sosta per un bagno è l’ideale per poi arrivare sulla pittoresca Piazza di Ascona. Sulla terrazza di uno dei suoi numerosi ristoranti è possibile gustare specialità culinarie ammirando la bellezza del paesaggio. L’innovativa e-bike permette, se usata con le marce più corte, di affrontare in tutta tranquillità anche la salita che porta al Monte Verità. Arrivati al Monte è d’obbligo una tappa al Museo Casa Anatta. Scendendo poi verso Losone, si arriva alla pista Siberia e si rientra verso Locarno.

Piano di Magadino E-Bike

L’itinerario parte dal centro di Locarno e prosegue sul lungolago, dove si potranno ammirare diverse varietà di cactus oltre a piante e fiori esotici. Costeggiando il lago sulla passeggiata pedonale-ciclabile di “Via alla Riva”, si scorgeranno alcune invitanti spiagge naturali che, nei mesi più caldi, suggeriranno una sosta per un bagno rigenerante. Numerosi saranno i punti di interesse presenti sul tragitto: a Minusio, il parco di Villa S. Quirico, di proprietà del Comune e aperto gratuitamente al pubblico, non dista che poche centinaia di metri da Locarno, il Porto comunale e il parco giochi di “Mappo”. A Tenero si incontra il Centro Nazionale Sportivo, autentico paradiso sportivo, oltrepassato il quale ci si inoltrerà nel Piano seguendo la pista ciclabile numero 3. Dopo pochi minuti si supererà l'entrata della Riserva naturale delle Bolle di Magadino, un'area protetta con ecosistemi unici in Svizzera. Come variante, all’altezza del centro commerciale Coop di Tenero, svoltare a sinistra per percorrere la nuova passerella sul fiume Verzasca. Percorsa la passerella, svoltare a destra per ricongiungersi con la pista ciclabile. Addentrandosi nel cuore del Piano di Magadino i campi agricoli si mischieranno alle vigne, le case abitate a fattorie e agriturismo dove sarà possibile assaporare e comperare alcuni prodotti della terra. Se le batterie dovessero essere scariche, quelle della bicicletta o le vostre, potrete pianificare una sosta rigenerante presso uno dei punti di ricarica e ristoro presenti sul tragitto. Arrivati al ponte di Gudo, la pista ciclabile prosegue in direzione di Bellinzona ma il nostro itinerario consiglia di proseguire sulla strada Cantonale sino all’atelier “Alle Voliere” della Fondazione Diamante. Nelle vicinanze di questa azienda agricola che propone l’integrazione sociale e professionale di persone disabili, si trova il cosiddetto “laghetto-osservatorio”, un punto di notevole interesse naturalistico segnalato dal WWF. Per il ritorno vi sono parecchi percorsi alternativi, ma per una maggior sicurezza vi consigliamo di seguire il medesimo tragitto.